Le tasse

Cosa sono le tasse, come sono nate e perché si devono pagare

La tassa è un tipo di tributo, ovvero una somma di denaro, dovuta dai privati cittadini allo Stato, che si differenzia dall’imposta( che sarebbe un tributo volto a finanziare i vari servizi pubblici )in quanto applicata secondo il principio della controprestazione, cioè legata a un pagamento dovuto come corrispettivo per la prestazione a suo favore di un servizio pubblico offerto da un ente pubblico (ad es. tasse portuali e aeroportuali, concessioni, licenze).

La tassa è relativa a un servizio di cui un cittadino può decidere se avvalersi o meno, e in generale non è dipendente né dal reddito né dal costo del servizio richiesto.

Spesso il termine “tasse” viene usato nel linguaggio corrente per indicare genericamente l’imposizione fiscale. In questo caso è più corretto il termine generico “tributi”.

Tasse ed imposte

Bisogna fare una distinzione tra il termine tassa ed imposta, che proviene dal diritto romano e veniva tipicamente usata dai paesi di diritto latino. Invece per esempio, nel Regno Unito e negli Stati Uniti d’America da ormai più di 3 secoli vige il “no taxation without representation”, introdotto dopo la Rivoluzione Americana e sarebbe un principio che si basa sulla decisione del Parlamento sul far pagare i tributi al cittadino sui vari servizi che vengono messi a disposizione.

Alcuni Paesi(tra cui il nostro) hanno adottato un sistema di “flat tax”, ad aliquota unica o con poche aliquote per le principali imposte. I servizi pubblici divisibili, quali ad esempio l’istruzione e la sanità anche se come stanno andando le cose adesso non si sa i soldi dove stiano andando a finire), possono essere finanziati mediante tasse. Ne sono esempi in Italia le tasse scolastiche e universitarie o i ticket sanitari(ed aspettare un eternità per essere visitati). Tuttavia, non si deve confondere la tassa con il prezzo di questi servizi. Almeno nell’ordinamento attuale italiano le tasse non coprono completamente il costo di questi servizi, che quindi ricade sulla fiscalità generale e viene finanziato con le imposte. Le giustificazioni, provenienti dalla dottrina economica per tale scelta, sono diverse.

A cosa servono le tasse

Le tasse dovrebbero essere utilizzate per realizzare opere e fornire servizi, utili per i contribuenti e a favorire il corretto funzionamento dei vari servizi messi a loro disposizione.

Le tasse ed imposte principali da pagare in Italia e da parte dei contribuenti sia persone fisiche o aziende, sono:

– L’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPES);

-L’imposta sul reddito delle società(IRES);

-L’ imposta regionale sulle attività produttive(IRAP);

-L’imposta municipale propria(IMU);

-Imposta di registro;

-Accise;

-Imposta ipotecaria;

-Imposta catastale;

-Imposta di bollo;

-Imposta sulla pubblicità;

-Imposta sulle successioni e donazioni;

-Imposta sulle assicurazioni;

-Imposta sul valore aggiunto(IVA);

-Imposta sul consumo e di fabbricazione;

-Imposta sugli intrattenimenti (si esiste anche questa imposta da pagare).

Perchè pagare le tasse

Quindi dopo questa lunga e noiosa spiegazione di cosa siano le tasse, esse si devono pagare (come se fosse un obbligo che abbiamo fin dalla nascita) per poter garantire ad uno Stato la possibilità di finanziare il suo sviluppo economico e finanziario, andando ad investire nell’istruzione, nella sanità, nelle amministrazioni pubbliche e private, nella ricerca e sviluppo di nuove fonte di energia per garantire un eco-sistema migliore.

I dati pubblicati

Con i dai pubblicati da parte della Ragioneria di Stato, si può notare che più della metà di italiani (stimati in circa 60 milioni di abitanti) non paga le tasse, quindi secondo queste statistiche, questa metà non avrebbe un reddito ed è a carico di altri. Un altro dato strano e preoccupante è che solo l,04%, dei contribuenti che presenta la dichiarazione dei redditi, dichiari un reddito pari a 100.000 mila Euro o superiore, cosa al quanto improbabile e veramente molto strano visto che non solo io vedo in giro molte persone con un tenore di vita molto alto o sbaglio? Perché succede tutto questo allora?

Cosa ne pensano gli esperti

Molti esperti del settore economico-finanziario studiando i dati del nostro paese fanno notare, che i nostri servizi quali la scuola, le università, la sanità, le pensioni che dovrebbero essere da nazione molto sviluppata ma con le imposte dichiarate da nazione invece sottosviluppata.

E quindi evidente e sotto l’occhio di tutti i cittadini, perchè non possiamo non notare e nascondere, il fatto che nelle nostre amministrazioni pubbliche, ci siano dei grandissimi ed ingenti sprechi nella codetta “spesa pubblica”, perché i soldi desinati ai vari servizi citati già sopra, come la pensione che secondo i dati dell’Inps, il 25% di questi soldi invece di finire agli anziani poveri e bisognosi, vanno nelle tasche di ricchi e benestanti.

Quindi detto tutto questo le tasse si devono pagare per favorire la crescita e lo sviluppo del proprio paese, ma così non avviene, visto che la maggioranza degli italiani non pagano le tasse perché impossibilitati a farlo ed anche perché la tassazione fiscale è veramente molto alta e pesante nel nostro paese per poter continuare ad andare avanti, quindi esse non verranno mai abbassate anzi il rischio sarà quello che verranno alzate sempre più.


I commenti qui sono chiusi.